La Malfa: "Torniamo allo spirito dell’Europa"

24/01/2012 - Giorgio La Malfa: A proposito di “contributo patrimoniale”


Nella foto a lato: Giorgio La Malfa


Gentile dr Cannavale,
grazie per il suo apprezzamento per il mio articolo. Ho letto con attenzione la sua proposta. Sugli immobili il Governo Monti ha già messo una specie di patrimoniale che è l'IMU. Mi sembra difficile aggiungere un ulteriore prelievo. Sul resto della ricchezza vi sono molte difficoltà di identificare i titolari che si affretterebbero comunque a spostare almeno formalmente il controllo all'estero.
Non ho capito esattamente come lei si proporrebbe di procedere verso questi ultimi: non mi pare che un governo straniero - per es. la Svizzera - potrebbe essere disposto a fare da sostituto di imposta verso l'Italia.
Io penso che con la manovra di dicembre il Governo abbia per cosi' dire raschiato abbondantemente il barile. Mi sembra invece che esso abbia tardato a ipotizzare una vendita di beni pubblici (di cui finalmente vi è cenno stamane) che avrebbe esattamente l'effetto che lei vorrebbe determinare senza deprimere ulteriormente il reddito dei cittadini. Forse non si arriverebbe a 300 miliardi in un colpo, ma ne basterebbero molti meno per cominciare a incidere sul rapporto debito PIL.
Mi creda. molto cordialmente

Giorgio La Malfa

Roma, 23 Gennaio 2012



On.le La Malfa,
ho letto con piacere il suo interessante articolo pubblicato oggi su Il Sole 24 Ore: "Torniamo allo spirito dell'Europa".
Mi auguro tanto che in Europa prevalga il buon senso e la buona politica, quella costruttiva e lungimirante, tanto da salvare e completare il grande progetto di una Europa unita, solidale ed a moneta ed istituzioni comuni.
Invio
una mia riflessione/proposta riguardante il ridimensionamento del debito pubblico italiano. Penso – e mi auguro di sbagliarmi – che le misure già approvate e quelle in corso di adozione da parte del Governo Monti, pur con tutta la buona volontà dello stesso e l’apprezzamento per il nuovo clima istituzionale, non possano incidere più di tanto sulla massa di debito pubblico che opprime il nostro Paese, compromette l’ordinato sviluppo dell’economia, blocca le possibilità d’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e mette a rischio la tenuta sociale della nostra complessa ed articolata società.
Rammento a me stesso che, sulla base di dati comunemente accettati, il dieci per cento delle famiglie italiane controllerebbe quasi la metà dei beni del nostro Paese.
Mi farebbe piacere, se possibile, conoscere il tuo pensiero in merito all’opportunità del “contributo patrimoniale”.
Cordiali saluti ed auguri di buon anno e buon lavoro.

Sàntolo Cannavale

Nocera Inferiore (Sa), 21 Gennaio 2012


___________________________________________



Torniamo allo spirito dell’Europa
La Lettera del Trattato di Maastricht rischia di vanificare il progetto

E’ importante che in un momento di crisi così profonda dell’euro Carlo Azeglio Ciampi e Fabrizio Galimberti abbiano voluto, nel loro bellissimo articolo apparso ieri sul Sole 24Ore, richiamare le ragioni politiche che sono alla base del progetto della moneta unica. Ed è giusto rivolgersi, come essi fanno, alla Germania, per il peso obiettivo che essa ha nella vita europea, ed invitarla a “trovare l’afflato che ha permesso al paese di tenere la retta via nei momenti più difficili del dopoguerra.” E anche a non dimenticare che “essa deve molto all’Europa”.

Nella descrizione che Ciampi e Galimberti fanno delle ragioni di fondo della moneta unica risaltano alcune affermazioni importanti che è bene mettere in particolare evidenza. Essi scrivono che “la proibizione totale di creare liquidità prestando direttamente soldi ai Governi non sta in piedi”. Ciò vuol dire che la funzione di prestatore di ultima istanza da parte della BCE è insita nella nozione stessa di una moneta unica. Aggiungono poi, rivolti alla Germania, che “una condivisione del debito pubblico europeo, una predisposizione sollecita e adeguata di salde reti di sicurezza, una sollecitazione alla BCE di farsi parte attiva nel sostegno monetario a paesi in crisi…” non sono atti di carità ma espressione di un illuminato tornaconto.

Se l’Unione Monetaria Europea avesse lo spirito politico e le regole di funzionamento che Ciampi e Galimberti richiamano, l’euro si riprenderebbe e la moneta unica sarebbe salva. Ma il problema è che l’Unione Monetaria delineata nel Trattato di Maastricht non ha a fondamento lo spirito politico a cui si richiama l’articolo di Ciampi e Galimberti, né contiene le regole che essi considerano implicite nella costruzione di una moneta unica. Vi è, per esempio, nel Trattato di Maastricht il divieto assoluto del finanziamento diretto degli Stati da parte della BCE. Così come vi sono regole di finanza pubblica che escludono un obbligo da parte dei paesi più forti di venire in soccorso dei paesi in crisi. C’è, in sostanza, un contrasto tra lo spirito della moneta unica e le regole specificate per il suo funzionamento nel Trattato.

Il problema dell’euro è che, negli anni in cui furono tracciate le regole della moneta unica, fra il 1989 e il febbraio 1992, data della firma del Trattato di Maastricht, non vi fu un confronto sufficientemente approfondito sulla filosofia di fondo del progetto. Rimase, così, ambigua la scelta fra due visioni diverse e per molti aspetti incompatibili fra loro: da un lato quella della moneta come espressione dell’unità e della solidarietà dell’Europa, di cui Ciampi è stato ed è interprete; dall’altro quella di un’Unione Monetaria fra paesi che, avendo condizioni finanziarie fra loro simili, non avevano e non avrebbero avuto bisogno l’uno dell’altro. Insomma, da una parte la moneta come segno dell’unità politica dell’Europa, dall’altra la moneta come strumento unicamente indirizzato alla stabilità monetaria come era tipico della filosofia della Bundesbank.

Al tempo di Maastricht i contraenti mantennero ciascuno la propria filosofia, contando che il tempo l’avrebbe fatta prevalere. Gli europeisti convinti, come Jacques Delors e, in Italia, Tommaso Padoa Schioppa, erano consapevoli che la costituzione monetaria europea fosse imperfetta e che prima o poi sarebbe scoppiata una crisi. Ma, fedeli all’insegnamento di Jacques Monnet, ritenevano che la crisi avrebbe spinto avanti l’Europa facendo prevalere le ragioni dell’unione politica sugli egoismi nazionali. Ma, a fronte di essi, vi erano quanti, in Germania ma non solo, ritenevano che il fondamento della moneta unica fosse la solidità finanziaria di ciascuno dei paesi componenti e che la lettera del Trattato li avrebbe tutelati dal dover offrire una solidarietà non desiderata.

Per molti anni le condizioni internazionali relativamente favorevoli hanno nascosto le contraddizioni fra queste due visioni di fondo, consentendo agli uni e agli altri di pensare che il Trattato di Maastricht difendesse pienamente le loro ragioni. Ma, come è evidente, gli equivoci e le contraddizioni non risolte esplodono all’improvviso quando esse divengono difficili. Questo il dramma dell’euro.

Siamo, in sostanza, in questi mesi, di fronte alla necessità di scegliere fra lo spirito europeo e la lettera del Trattato. Se prevale lo spirito europeo l’euro si salva. Se prevale la lettera del Trattato l’euro è condannato. L’appello di Ciampi e di Galimberti, che io condivido, è che prevalga lo spirito europeo. Ma è anche possibile che si rafforzi, soprattutto in Germania, l’idea che l’Unione Monetaria possa funzionare soltanto fra paesi fra loro omogenei. Del resto, questo era il senso dei famosi criteri di convergenza di Maastricht che dovevano identificare i paesi ammessi alla terza e definitiva fase dell’Unione Monetaria, cioè alla moneta unica.

Vi è il rischio che in alcuni dei paesi più forti si diffonda l’opinione che è stato un errore ampliare troppo i confini della moneta unica, e che si vogliano costringere i paesi più deboli a dare forfait e tornare alle loro vecchie valute. Sarebbe certamente un fallimento politico drammatico che coinvolgerebbe tutti, sia i sommersi sia i salvati. E, tuttavia, non mi sento di escludere questa eventualità. Come diceva la saggezza antica: Quos Deus perdere vult…

Giorgio La Malfa

SOLE 24 ORE – 21 gennaio 2012




     
Invia quest'articolo




  Articoli
23/04/2014 - Lo scenario triste di un’uscita dall’euro
22/04/2014 - Questione argentina. Sfida finale sull'ultimo Tango bond
21/04/2014 - Alitalia verso il consiglio di amministrazione della verità: sul tavolo l'offerta di Etihad
02/04/2014 - Nato: stop a cooperazione con la Russia.
Gazprom: "Gas più caro per Kiev"
01/04/2014 - Mps, Siena dice addio alla banca.
Alla Fondazione resterà solo il 2,5%
30/03/2014 - Grandi manovre a stelle e strisce attorno al petrolio: fracking gas
12/03/2014 - Unicredit: perdita nell’esercizio 2013 per 14 miliardi di euro.

  Area riservata
  User:   
  Pass:   
Google
design by World Solutions      
LINKS UTILI
    I miei primi dieci anni: 2003 - 2013
    Convegno "Economia 2012", 13 Marzo 2012
    la Repubblica
    ilsole24ore
    Il Mattino
    Il Denaro
    MilanoFinanza
STATISTICHE


Visitatori attuali: 5

Visitatori totali: 602406
NEWS-LETTER

Iscrivendoti alle Newsletter di Santolo Cannavale riceverai le ultime notizie di finanza e tanto altro ancora.

La registrazione è completamente gratuita, nulla ci è dovuto nè ora nè in futuro.